Vertebre

La crepa sottile della bellezza

Come nel capolavoro di Thomas Mann, “La morte a Venezia”, in cui delirio e passione sono i tasselli dell’ossessione per la bellezza di un giovane adolescente, che scombussola l’ordinaria esistenza di Gustav von Aschenbach, nobile scrittore tedesco...

Visione e coscienza dell’aberrazione

Tra il romanzo come sfida alla coscienza e il romanzo come conferma identitaria Franz Bartelt, con il suo “Colpo gobbo” (Le jardin du Bossu – Gallimard Editore 2004), tradotto da Ezio Sinigaglia e Giuseppe Girimonti Greco per Prehistorica Editore...

Il silenzio della libertà

Poche sono ormai le condizioni, in letteratura, in cui la libertà esercita il suo potenziale conoscitivo. Nel già accaduto sembra non esserci più scampo, invece è proprio lì che si annida il materiale prezioso di una storia. A patto di convergere...

La valenza militare dell’amore

Era il lontano ’95 quando nelle sale italiane uscì un film, “Marciando nel buio”, per la regia di Massimo Spano e la produzione di Zeudi Araya, che affrontava coraggiosamente il tema dell’omosessualità nelle caserme italiane. Film drammatico con...

L’insurrezione violata

Appare inconsueta la trattazione di un’adolescenza ribelle nel panorama sociale a cui siamo soliti prestare ascolto. Ancor più se si tratta di letteratura, dove una storia risulta di larga diffusione se acquieta, consola, solidifica certezze...

Dall’altra parte della vita

Non so se mi capisci, ma dal momento in cui l’essere umano è l’unico animale votato all’autodistruzione, mi chiedo: come possiamo valutare l’intelligenza di chicchessia? Se per assurdo dovessimo confinare due persone su un’isola deserta, il loro...

Per chi è solo ovunque è il deserto

Se qualche volta avrai bisogno della mia vita, vieni e prendila. Fu Anton Pavlovič Čechov a scrivere questa frase in uno dei suoi racconti. Aveva conosciuto da qualche anno Lidija Alekseevna Avilova presso la casa del cognato di lei e se n’era...

L’insostenibile desiderio del corpo

Identificarsi in un corpo e spingerlo sino ai limiti dell’ossessione. Leggendo “Kurtz” di Jean-Marc Aubert, tradotto da Federica e Lorenza Di Lella e pubblicato da Prehistorica Editore, si ha la sensazione di essere carne in putrefazione. Esposta...

L’incomunicabile desiderio di una donna

Un’anziana novantatreenne, un quattordicenne, quattro giorni, una porta chiusa. Pochi elementi a costruire tensione e una lingua affilata a introdurre il lettore in un incubo. Se a Stephen King occorsero oltre trecento pagine e oltraggiose sevizie...